solo andata

La strada sparisce dentro di me, la ingoio, un pezzo alla volta.
Senza fretta, il grigio dell'asfalto si lascia divorare e appartenere,
mentre il mio sguardo si concentra sul piccolo morso successivo di terra da inghiottire.
Il vento lambisce il mio volto, l'ultimo sole si scaglia con violenza sulle mie braccia
e tatua sul mio profilo l'ideogramma astratto del pungente bisogno di vivere.
Il respiro diventa un dialogo con la mia coscienza, la sento ansimare,
ribellarsi al suo lungo intorpidimento, stupirsi di un sonnambulismo ipnotico finalmente interrotto.
Mi concentro e la stanchezza non mi sfiora, resta un passo dietro alla mia ombra
e attende che sia io a fermarmi per potermi saltare addosso,
ma io non voglio trascinarmela dietro, voglio spogliarmi dei pensieri ingombranti
che hanno afflitto la mia giornata o la mia vita, voglio riflettere sulle vicende che ancora
non ho ben compreso e che stanno modificando la mia esistenza,
voglio guardare alla mia vita senza esserne travolta, osservare e comprendere,
senza dover per forza cedere alle facili giustificazioni che arginano l'anima….
Il ritmo è regolare, deve esserlo per forza, quasi che in quella linearità di movimenti
io possa trovare un equilibrio interiore ed esteriore, un luogo metafisico dove
gli estremi si sfiorano e si completano e le mura magnetiche si aprono creando un varco,
e io lo attraverso…..
La consapevolezza di me rasenta l'inevitabile. Quelli che vedo sono i miei limiti,
non posso odiarli, posso solo cercare di sconfiggerli, o accettarli come innati….
la sfida continua, cerco di controllare il respiro, di valutare le mie energie, di dosare le risorse
di tolleranza alle sfaccettature della mia personalità meno idilliache….
Non sono perfetta, e mi identifico con maggior piacere nei miei difetti
piuttosto che nei miei pregi.
La strada continua e io continuo il mio viaggio, e ogni passo che faccio
è un passo in più da percorrere al ritorno, il mio corpo……
dov'era finito il mio corpo, quali trasformazioni ha subito in questi anni di buonismo incondizionato,
eppure c'è, e reagisce, e risponde agli stimoli, e asseconda le mie richieste….
E la mia anima, dove si era nascosta, non ricordavo di averla smarrita,
eppure i pensieri che ora improvvisi mi attraversano, non mi hanno mai sfiorato…..
La consapevolezza s'impossessa di me come una verità innata ed una pacifica serenità
s'insinua tra le fibre provate delle mie carni e le travagliate corde della mia anima,
e il vento lambisce il mio viso, e il sole insistente continua a fare vibrare i suoi ultimi raggi su di me….
Lo sguardo basso, non posso alzare la testa, non posso divorare una fetta di mondo
più grande di quella che ora sono pronta a digerire, sto procedendo bene,
la mia fronte è imperlata di un sudore leggero che spiega i miei sforzi e li gratifica,
e io lo sento scivolare sulla mia guancia come una lacrima non pianta.
Una sensazione di beatitudine s'impossessa infine di me, le mie difese hanno ceduto,
le mie barriere hanno vacillato, la mia fragilità si apre improvvisamente al mondo
rivelandomi tutta la forza di un carattere che non ricordavo di avere…
E continuo.
Devo affrontare la strada, devo affrontare me stessa. Passo dopo passo, morso dopo morso,
pensiero dopo pensiero.
Vedo l'incomunicabilità e vedo la solitudine, vedo la tristezza e vedo la disperazione.
Non mi appartengono, ma le vedo, e vorrei poterle abbattere, o quantomeno, combattere…..
Vedo i miei desideri, finalmente trovo il coraggio per essere sincera con me stessa,
e non limitarmi ad essere sempre e solo obiettiva.
Non sono mai cambiata.
Ci sono nature che non mutano con il tempo. Io sono un'anima ribelle,
non posso accettare le mediocrità umane come conseguenza della limitatezza d'intenti,
devo sempre mettere in discussione, devo sempre distinguermi
affermare me stessa e la volontà di possedere un io pensante e autonomo,
devo sempre contrastare, devo sempre oppormi….
Non sempre.
……ma la noia…..
La noia non mi piace
La noia è un po' morire, mentre dentro, dentro la vita pulsa, la fantasia impazza,
la creatività mi mostra mondi paralleli, l'ironia mi aiuta a sopravvivere, e i sensi….
I sensi mi sconvolgono più intensamente di quanto ricordassi…..
E dunque il mio cinismo non era la soluzione……
Corro, il vento mi lambisce, il sole questa sera non tramonta e mi accompagna,
allontanando da me la mia ombra e la stanchezza, sono libera….
Libera di sprofondare in questo egoismo edonistico.
Libera di godere di questa sensazione di completezza fisica e mentale,
di questo equilibrio cosmico che mi porta all'estremo e mi proietta su un piedistallo
privilegiato dal quale posso vedere me stessa senza odiarmi e accettarmi inevitabilmente
con amore e comprensione.
Questa sono io.
Forse solo per un secondo, ma mi percepisco così vividamente da restare interdetta
dalla chiarezza con cui finalmente vedo in me, e tutto ha un senso,
e tutto ha un suo posto, nel caos perfetto della mia vita.
E finalmente, alzo lo sguardo al cielo senza restarne schiacciata...

21 commenti:

Proscar ha detto...

Proscar è passato...

Daniele Verzetti, Rockpoeta ha detto...

Bellissimo racconto:profondo, sentito, scritto con buonissima proprietà di lingaggio. Dovresti pubblicarli più spesso sul tuo blog. Mi ha davvero emozionato.

Ciao
Daniele

giadatea ha detto...

Grazie Daniele, e poi detto da te, beh, fa ancora più piacere. In effetti sto riorganizzando il blog anche per trovare spazio un po' su tutto, forse la grafica è un po' troppo rosa ma purtroppo i colori scuri sono un limite per la visualizzazione, mi sembra di entrare nella casa della barbie più che nel mio blog..... La pagina dei link l'ho approntata all'occorrenza, in modo da mantenere i post da modificare tutti assieme, ma per ora tengo l'elenco in home, in caso di future ristrutturazioni, sono già pronta!

Maddea ha detto...

bellissime parole, emozionanti....in cui ho ritrovato molto di me stessa.................
un bacio e buon fine settimana!
Maddy.

dottor benway ha detto...

letto e ascoltato. è sempre difficile restare presenti a se stessi. :)

pabi71 ha detto...

Brava Giadatea,complimenti davvero,hai descritto emozioni e senzazioni in modo veramente ottimo,non mi intendo,ma me le hai fatte provare e capire,quindi mi permetto di dirti ottimo lavoro.
Hai fatto un gran lavoro anche col blog,il rosa è un bellissimo colore....e poi se ti stanchi o non ti aggrada,ricambierai,dove è il problema,ormai sei diventata un'artista....
il mio banner è sparito perchè l'avevo caricato con un servizio che scadeva dopo alcuni mesi....non sapevo....ho rimesso il codice nuovo nella solita pagina,mi hanno cavato le immagini proprio oggi,me ne ero accorto anche io.
Un saluto e buon fine settimana.

giadatea ha detto...

umhhhh, temo di avere usato il tuo stesso servizio per metterli online, li avevo fatti seguendo le tue indicazioni, beh, conto su di te per sapere un servizio alternativo (ma in tutto il pacchetto google, non c'è niente che permetta di farlo?)

mario ha detto...

che bello, giadatea.
sono commosso.

giadatea ha detto...

Grazie Mario

D ha detto...

"non posso accettare le mediocrità umane come conseguenza della limitatezza d'intenti,
devo sempre mettere in discussione, devo sempre distinguermi
affermare me stessa e la volontà di possedere un io pensante e autonomo"

Questo concetto traspare benissimo in ciò che hai scritto.

E allora complimenti!

Pino Amoruso ha detto...

"Corro, il vento mi lambisce, il sole questa sera non tramonta e mi accompagna,
allontanando da me la mia ombra e la stanchezza, sono libera….
Libera di sprofondare in questo egoismo edonistico".
Complimenti, complimenti e ancora complimenti!!!
Buon fine settimana ;-)

Proscar ha detto...

Ciao giadatea,
sei tu che mi stupisci... ho scoperto il tuo Blog sul mobbing e l'ho subito linkato sulla mia pagina, è un problema al quale sono molto sensibile, c'è bisogno di gente che ne parli. Ti faccio i miei complimenti, sei una donna piena di risorse...

Raggio di sole ha detto...

Bellissima questa pagina ....e le tue parole poi....una versione nuova di te che mi piace !!!
Buon fine settimana

pabi71 ha detto...

ti ho inviato una mail,
se non ti arriva dimmelo.
buon fine settimana

Comicomix ha detto...

Non mi succede più da molto (non ho tempo!), ma a me ogni tanto annoiarmi mi piaceva. Mi dava modo di guardarmi "dentro". Mi sembra che lo hai fatto, con questa bella riflessione, anche tu. Penso aiuti, anche se può dare dolore.

Un sorriso di fine settimana
Mister X di Comicomix

Claudia ha detto...

Ciao! Ti invito a visitare il mio blog, se ti fa piacere. Potresti darmi un suggerimento, ho bisogno di molti blogger. Grazie, ciao,

Raggio di sole ha detto...

Ciao Giadina , ho inserito il tuo bannere nel mio blog...poi mi insegnerai anche a me a frne uno :(( sono una frana......
Buona giornata

Maddea ha detto...

Buon inizio settimana!
Ciao da Maddy.

Caramon ha detto...

Quando si cerca dentro di sè è sempre piacevole leggere e ascoltare e magari confrontarsi e prendere spunto x una migliore introspezione.
Un abbraccio ^___^

Il Paradiso Dei Dannati
http://paradisodeidannati.blogspot.com

DUBBAFETTA ha detto...

la noia annoia

Vincenzo ha detto...

Cari compagni/e blogger ho notato che in in giro si respira un'aria viziata costituita da diverse correnti: cattocomunisti e comunisti pro-bertinottiani e spinte anarcoidi-ribellistiche animano le voci di quella che dovrebbe definirsi sinistra...ma una cosa importante l'avete capita o no?
Berlusconi è al governo grazie anche a quella sinistra che non è andata a votare...lo avete aiutato a raggiungere il suo sogno. Per tutti gli altri che sono andati alle urne, come me del resto, sappiate che da oggi faremo opposizioni di paglia e fumo più di quante ne abbiamo fatte fino ad ora.
Ho fatto un video che invierò al Presidente del Consiglio perchè la memoria non vada perduta...
Guarda il video: http://it.youtube.com/watch?v=T3mtwXeJqok
Sito web: http://www.vincenzocaldarola.blogspot.com/

Sign by Danasoft - Get Your Free Sign